Inchiesta servizi sociali, la montagna e il topolino

tribunalevelletri

La sentenza della Cassazione che annulla la condanna in appello di Italo Colarieti e Augusto De Berardinis, rinviandola ad altra sezione, dopo che già in secondo grado era stata assolta Angela Santaniello, conferma le lacune di un’indagine nata male e finita peggio. Ci vorrà un ulteriore grado di giudizio, vedremo se l’appello che affronterà il caso la penserà diversamente dal Tribunale di Velletri e da chi aveva rivisto leggermente le pene pur confermando l’ipotesi accusatoria rispetto alle proroghe ai servizi sociali che nel 2012 portarono agli arresti dell’allora assessore, della dirigente e del presidente della cooperativa.

Conosco le carte di quella inchiesta: uomini, mezzi, soldi pubblici impegnati come fossero da scovare dei narcotrafficanti. Gente tenuta ai domiciliari per sette mesi, di fatto scontando – prima della ipotetica condanna – più di un terzo della pena “edittale” come direbbero i conoscitori del diritto.  Vicende private finite nelle carte dell’inchiesta, così tanto al chilo, che problema c’è?

Sbagliano i magistrati? Certo, come sbagliamo tutti. In quel caso, però, l’impressione è che qualcosa non abbia funzionato all’origine. Il prezzo della corruzione, poche migliaia di euro, un’auto da poter usare, un assegno in bianco fra l’altro inutilizzabile, proroghe che forse non andavano fatte, “Durc” irregolari. Tutto qui? Da garantista – e non dell’ultima ora – sollevai una serie di dubbi. Ma c’erano i provvedimenti cautelari, le intercettazioni, soprattutto le ingenuità commesse dagli indagati. Era, in quel momento, “la” notizia. Che andava data, con tutti i particolari. Ma proprio conoscendoli e seguendo il processo, ci si rendeva conto di quanto la montagna stesse partorendo il topolino.

Indagare, certo, ma prima di arrivare ad arrestare e tenere ai domiciliari per mesi una persona occorre pensarci bene. Soprattutto quando ci sono provvedimenti alternativi che possono essere adottati ed evitare, ad esempio, la possibilità che si possa continuare a inquinare le prove. Invece no, si andò avanti. Creando danni alle persone, non dimentichiamolo.

Poi è arrivato l’appello per Santaniello – sulla quale già la Cassazione, pronunciandosi sulla misura cautelare, aveva messo nero su bianco l’inesistenza della corruzione – e adesso c’è l’annullamento per gli altri imputati. Ah, Colarieti nel frattempo è stato condannato dalla Corte dei Conti a risarcire il Comune, mentre ora rischia di andare assolto dal punto di vista penale. Mentre la Santaniello, giustamente, vuole essere risarcita dal Comune per la sospensione comminatale anche oltre il dovuto.

Quando si dice la magistratura… Per carità, fa il suo lavoro e nella stragrande maggioranza dei casi lo fa al meglio, soprattutto quando affronta vicende legate alla criminalità organizzata. Nel caso che stiamo trattando non ha brillato. Soprattutto perché più che delle proroghe o dei “Durc” avrebbe dovuto occuparsi dell’intera vicenda “Francescana“, dei flussi di denaro – quelli veri –  e non di 5.000 euro, dei diversi “passaggi” intorno alla struttura realizzata anche con soldi pubblici (ormai tantissimi anni fa) e finita in mani private.

Ma ormai è acqua passata, questa vicenda sarà uno dei tanti errori giudiziari nel nostro Paese, il problema era ed è: chi paga? L’ingiusta detenzione, la denigrazione degli imputati, l’Ente al centro di una questione che si è rivelata non grave come la si immaginava. E’ retorica: non pagherà nessun altro che il cittadino.

Il compianto Marco Pannella si battè inutilmente sulla responsabilità civile dei magistrati. Si sbaglia, è umano, ma come recita il vecchio adagio inglese: gli errori dei giudici finiscono in carcere, quelli dei medici al cimitero, quelli dei giornalisti in prima pagina.

Li ho lasciati per ultimi, i giornalisti, perché qualche illuminato da tastiera si è divertito sui social a commentare questa vicenda prendendosela, ovviamente, con la stampa. Che ha riportato dei fatti, non dimentichiamolo, e ha provato a ragionare su questa come su tante altre storie, sin dal primo momento. Comprendo che è sport nazionale, ma prima di parlare è sempre bene informarsi.

ps Ricordo una stretta di mano di Italo Colarieti, una volta scarcerato, al quale non avevo mai risparmiato critiche nella sua gestione politico amministrativa. Mi disse: “Scusa per prima, grazie per adesso“. Risposi che non ero un poco di buono prima, non ero il più bravo poi. Semplicemente ho il maledetto vizio di non fare mai questioni di persona e, soprattutto, di documentarmi…

Annunci

Anzio e Nettuno, quelli che tremano per “Mafia capitale”

mafiacapitale

La vicenda emersa con l’indagine “Mafia Capitale” sta facendo tremare il mondo politico e imprenditoriale dell’intera regione. E più di qualche “galoppino”, dalle nostre parti, si preoccupa dei risvolti che la vicenda può avere. Intanto vale per chi è stato arrestato e per chi è indagato il principio di sempre: tutti innocenti fino a prova del contrario. Certo il quadro che emerge è devastante e mette a nudo un sistema politico-mafioso trasversale tra esponenti di centro-destra e Pd,  indegno. L’indagine della Procura di Roma e del Ros dei carabinieri è stata definita “solida” anche dal ministro dell’Interno Angelino Alfano. A confronto le vicende delle cooperative di casa nostra sono una passeggiata di salute.

Però ad Anzio e Nettuno c’è chi ha sostenuto apertamente le campagne elettorali di chi, oggi, finisce nell’indagine con accuse molto pesanti. C’è chi ha chiesto e ottenuto voti per Luca Gramazio o per Tommaso Luzzi, entrambi accusati di associazione di tipo mafioso, il primo anche per corruzione aggravata e illecito finanziamento.

Non ci sono – agli atti – vicende relative al territorio, salvo un’intercettazione nella quale si fa riferimento all’esplosione ad Anzio – con una persona deceduta – della villa di uno degli arrestati che la presunta “cupola” voleva mettere alla direzione dell’Ama, la municipalizzata di Roma.

Detto questo, però, si avverte forte preoccupazione tra chi sosteneva quei candidati alle elezioni. Al solito le più temute sono le intercettazioni telefoniche. Tranquilli, fra questi atti l’unico riferimento ad Anzio è quello già citato. Di Nettuno nulla. Né compaiono i portatori di voti di Gramazio e Luzzi. Sanno loro, i “galoppini“, a questo punto, cosa hanno detto al telefono ma soprattutto cosa hanno fatto. Se hanno la coscienza pulita, di che preoccuparsi? Il problema è se non ce l’hanno pulita, se in qualche modo sono entrati in quel “mondo di mezzo” citato da uno dei principali personaggi di questa storia, Massimo Carminati. Perché le intercettazioni sull’ordinanza sono solo una minima parte di quelle realizzate e l’inchiesta è destinata ad avere ulteriori sviluppi.

Procure, montagne e topolini. Le indagini mai viste

guardia-di-finanza-300x217

L’assoluzione dell’ingegnere Marco Pistelli, insieme a quella di Giulio Godente e Nello Monti – indagati mentre entrambi erano consiglieri comunali, è l’ennesimo buco nell’acqua della Procura di Velletri su questo territorio. La magistratura veliterna è in buona compagnia, attenzione, se solo qualche mese fa è stato prosciolto in udienza preliminare Luciano Mingiacchi, il quale per quell’indagine si dimise da direttore generale della Asl. Le montagne hanno partorito i classici topolini. Allo stato di quanto emerso nel dibattimento – dove poi si formano le prove – sembra incamminato sulla stessa strada il processo per la vicenda Colarieti-Santaniello. Con l’aggravante che lì c’è gente rimasta ai domiciliari per sette mesi.

Un noto avvocato locale, parlando del più e del meno, ha sottolineato come in tanti anni di professione deve ancora vedere condannare un amministratore pubblico. Possibile che, nemmeno per “sbaglio”, ci sia mai stata una condanna? Evidentemente sì.

Quello che non torna – e lo dico con il massimo rispetto della Magistratura – è altro. Possibile che in questo nostro territorio al di là di abusi d’ufficio o tentativi di corruzione non si vada? Ai tempi di Tangentopoli, per esempio, si sapeva quale fosse il sistema ma o sono stati bravi e onesti i politici di casa nostra o non si è proprio indagato.
A memoria, poi, non si ricorda una sola indagine patrimoniale degna di tale nome. Ma possibile che certi inspiegabili tenori di vita li vedano solamente i cittadini? E possibile che sia dovuta arrivare la direzione antimafia a dirci che qui vivevano e si riproducevano cellule di clan? Già, quello è il suo lavoro… Ma quello degli altri? I sequestri preventivi possono farli tutti se ci sono dubbi di illeciti arricchimenti. Così come è inspiegabile che gli affari con il piano regolatore di Anzio non abbiamo riguardato anche qualche soldo da “ripulire” perché o siamo davvero un’isola felice o statisticamente accade che con tanta edilizia da realizzare qualcuno venga e investa soldi ottenuti chissà come.
Intanto, mentre per gli abusi pubblici fioccano assoluzioni non sappiamo che fine abbiano fatto, per esempio, le due inchieste sulla vicenda “Serenissima” che è sotto indagine in Veneto, mentre qui si è parlato di una tangente che ha visto impegnati carabinieri e polizia ma senza esito. Apprendiamo da Controcorrente che nella vicenda Francescana ci si è “dimenticato” qualche computer, ignoriamo le sorti dell’inchiesta sugli spari a Patrizio Placidi e sul movente di quell’attentato. Per non parlare del “Caro estinto” del quale Repubblica ha anticipato le carte ma finito nel dimenticatoio, almeno così sembra
Ecco, vanno benissimo tutti gli accertamenti di questo mondo e si comprendono le difficoltà operative di ogni genere. Ma vedremo mai indagini diverse? Ricordiamo, infine, che ogni volta che si avvia un’inchiesta – da ultimo quella sulle cooperative che si sono occupate di servizi ambientali ad Anzio – si sequestrano carte, poi si effettuano perquisizioni magari alla ricerca delle stesse carte, si espongono persone agli onori delle cronache. Più celerità nelle decisioni finali sono un’utopia in Italia, ma soprattutto qualche indizio più probante da portare in Tribunale, non guasterebbe.

Cooperative, tutto lecito ma singolari coincidenze

giva

Restano indagati e innocenti fino a prova del contrario. Gli ulteriori controlli odierni dicono che gli accertamenti delle Fiamme gialle, su delega della Procura della Repubblica di Velletri, sono atti dovuti in una vicenda del genere.

Al solito, preferisco partire dall’assunto che tutti hanno agito nella legalità. Quello che emerge è altro. L’inchiesta oltre l’assessore Patrizio Placidi e il dirigente Walter Dell’Accio – ai quali è formalmente contestato l’abuso d’ufficio – riguarda due cooperative: la Giva e la Quadrifoglio. Società che hanno avuto proroghe negli appalti ottenuti che ora sono sotto la lente degli investigatori. Lasciamoli lavorare e non spariamo sentenze prima che l’inchiesta sia finita.

I nodi però – sull’opportunità più che rispetto a possibili reati – vengono al pettine.

La Giva è stata presieduta fino alla campagna elettorale da Valentina Salsedo, poi diventata consigliere comunale. Era in “ticket” in Forza Italia con l’attuale vice sindaco, a sostegno delle candidatura di Luciano Bruschini. E’ recente una pressante richiesta negli uffici, fatta dal marito della stessa consigliere – che comunque ha ridimensionato l’accaduto – per la liquidazione di fatture poi avvenuta.

La Quadrifoglio è presieduta da Pietro Leoni, il quale era in lista alle ultime elezioni con la lista Enea di Patrizio Placidi. L’allora vice sindaco e assessore all’ambiente è andato a “contarsi” – ottenendo un ottimo risultato elettorale – mettendo insieme i suoi fedelissimi e sostenendo sempre Luciano Bruschini. I finanzieri sono andati anche a casa di chi era il presentatore di quella lista, ex funzionario del Comune.

Ribadisco: tutto lecito, ma diciamo che sono coincidenze singolari.

Ufficiale, il sindaco di Anzio non è imputato. Quello che resta…

Troverete di seguito la prima versione di questo mio pensiero. Contiene un errore, del quale mi scuso. Diffondendo il suo certificato dei carichi pendenti il sindaco di Anzio dimostra di non essere imputato e non di non essere indagato. Succede nella fretta e, soprattutto, nella dimenticanza grave di basilari principi di procedura. Detto questo, continuo a pensare che fino a prova del contrario occorra credere alla parola del sindaco che dal primo momento ha affermato di non essere assolutamente coinvolto in questa vicenda. E continuo a ribadire che debba essere proprio lui, a maggior ragione se non indagato, a fare chiarezza. Per dovere di cronaca, a seguire quello che avevo scritto ieri. Grazie della pazienza e della comprensione a quanti mi seguono.
***

Con l’invio alle testate giornalistiche del suo certificato dei carichi pendenti il sindaco di Anzio, Luciano Bruschini, dimostra di non essere indagato. Il certificato emesso ieri dalla Procura di Roma dimostra che è tutto “negativo” a suo carico e siamo lieti di prenderne atto. Del resto, non avevamo mai espresso dubbi a riguardo.
Diciamo pure che i carichi pendenti si hanno quando c’è già un’imputazione ovvero una richiesta di rinvio a giudizio, ma nel caso specifico non siamo ancora a quel livello. Comunque ribadiamo che prendiamo atto – come dal primo momento – della posizione del sindaco. La sua richiesta di certificato arriva dopo la notizia diffusa da “Repubblica” sulla vicenda “caro estinto”.

Cosa resta di questa storia, allora? Un’inchiesta della Procura di Roma che parte dalla Capitale e – non ci stancheremo mai di dirlo – arriva fino ad Anzio. Ci arriva nel corso dell’ultima campagna elettorale per le regionali, seguendo personaggi “attenzionati” che hanno frequentato appuntamenti che promuovevano un determinato candidato. Restano anche alcune “certezze” delle quali abbiamo parlato nei giorni scorsi. 

Cosa abbia la Procura di Roma è da capire, di certo ha raccolto elementi anche ad Anzio seguendo il filone del “caro estinto”. Il sindaco si era impegnato a chiedere al Procuratore capitolino un appuntamento. Confermi questa sua intenzione, lo faccia perché la città sappia – a questo punto – qual è la reale situazione rispetto a quell’inchiesta. E’ questo che si chiede a un primo cittadino – a maggior ragione se ingiustamente coinvolto – e non che minacci maxi richieste di risarcimento. 

Prenda quell’appuntamento e poi faccia ai cittadini il quadro della situazione. Saremo tutti più tranquilli.

Bruschini si unisce al coro delle maxi richieste di risarcimento

ImmagineIl sindaco di Anzio, Luciano Bruschini, fa bene a difendersi dopo essere stato tirato in ballo dal quotidiano “La Repubblica” per l’indagine nota come “del caro estinto”. Ha detto sin dall’inizio di non aver ricevuto avvisi di garanzia e di non conoscere i soggetti dei quali si parla. Va creduto per la sua storia personale e perché essere indagati formalmente prevede l’aver ricevuto un’informazione di garanzia o un avviso di chiusura indagini. 

Altra cosa è che esiste un’inchiesta su Anzio nella quale – sempre secondo “La Repubblica” – c’è anche il nome del sindaco che si è affrettato a smentire il suo coinvolgimento come ha fatto il presidente del consiglio comunale, Patrizio Placidi. Indagine che riguarda Roma ed è arrivata sul litorale nel corso dell’ultima campagna elettorale per le regionali, seguendo personaggi già “attenzionati” dalla Procura capitolina. 

A fronte di questo il Pd e Sel hanno fatto comunicati stampa nei quali esprimono preoccupazione e chiedono chiarezza. Per tutta risposta Bruschini annuncia nuove denunce – dopo quella al quotidiano – e minaccia richieste di ingenti risarcimenti del danno. Comprendiamo l’uomo  e il suo stato d’animo. Non la reazione. Perché mentre il garante della privacy si appresta a un nuovo bavaglio alla stampa, qui si cerca di metterlo preventivamente. Bruschini non è solo, i tribunali sono pieni di querele temerarie e maxi richieste di risarcimento che hanno il solo intento di non far scrivere i giornalisti. In questo caso anche chi “condivide” le informazioni sui social network. Ecco, questo da un sindaco 3.0 – così si definiva un anno fa – non c’era da aspettarselo. Una cosa l’abbiamo suggerita dal primo momento e auspichiamo che il sindaco la faccia: andare dal Procuratore di Roma e capire qual è la situazione, quindi chiarire con la città. Dire se davvero è tutta una grave – gravissima – montatura o se c’è qualcosa che bolle in pentola, magari non coinvolgendo come indagato il primo cittadino ma chi gli sta attorno. E’ questo il Bruschini che vorremmo, da cittadini, non quello che vuole portare in Tribunale chi chiede un chiarimento. Su chi lede realmente la città di Anzio, infine, potremmo aprire un dibattito… 

Il  comunicato ufficiale del sindaco. 

“Denuncerò e querelerò chiunque diffonderà notizie, con ingenti richieste di risarcimento, in riferimento alla pubblicazione dell’articolo di Repubblica sul caro estinto, della scorsa settimana, che per quello che mi riguarda è completamente privo di fondamento. Ho dato mandato ai miei legali di raccogliere articoli di stampa, commenti facebook e articoli su testate on-line che trattano la vicenda e che, quindi, ledono la mia immagine di persona onesta. Lo stesso farò con il Pd di Anzio, nella persona del suo Segretario, per il grave, strumentale e lesivo comunicato stampa diffuso in queste ore”. Lo ha detto il Sindaco di Anzio, Luciano Bruschini, che ha sporto denuncia per diffamazione contro il quotidiano La Repubblica e nei confronti della giornalista Rory Cappelli in riferimento all’articolo pubblicato venerdì 14 marzo. “Inoltre – prosegue il Sindaco Bruschini – ho chiesto un’audizione alla Procura di Roma per far luce su una vicenda che mi ha amareggiato e ferito come uomo. Io non consentirò a nessuno di sporcare la mia immagine di persona onesta, sulla quale ho costruito la mia vita e quella della mia
famiglia, con processi mediatici falsi ed infamanti che ledono anche la Città di Anzio”.

Placidi assessore, anzi no. La delega e qualche problema

Una delega già pronta, all’ambiente e ai fondi europei. Sarebbe stato questo il rientro di Patrizio Placidi in giunta ad Anzio. Un rientro in pompa magna, in virtù di un accordo con il sindaco visto il risultato della Lista Enea alle ultime amministrative. Un’intesa che avrebbe consentito, anche, di riportare Umberto Succi in consiglio comunale. L’esponente di Forza Italia (Placidi è tornato… a casa dopo le elezioni dello scorso anno) però, per il momento deve “accontentarsi” di restare presidente del consiglio comunale.

Doveva diventare assessore prima del consiglio convocato per lunedì prossimo, il 24, invece resterà ancora al palo. Motivi? Tutti politici, si affrettano a dire in Comune. Certo l’inchiesta “Caronte” che riguarda anche Anzio per il cosiddetto “caro estinto” e che ha visto fare il nome di Placidi da “Repubblica”, ha pure avuto la sua influenza. Il presidente del consiglio comunale si è affrettato a smentire, dando la sua versione dei fatti, ma l’assessorato proprio in questo momento non sembra la scelta più giusta da parte del sindaco Luciano Bruschini. Il quale prende tempo, così si vocifera, in attesa anche del nuovo e delicatissimo appalto relativo al settore.

Non solo, l’ingresso di Succi comporterebbe – ma anche in questo caso non c’è conferma, quindi va preso con beneficio d’inventario – un problema di “conflitto” con il Comune. Vecchie questioni, a quanto sembra, che inficerebbero al momento l’ingresso del primo dei non eletti qualora Placidi tornasse a fare l’assessore. Vedremo se le cose cambieranno da qui al 24.

Nel frattempo, come se nulla fosse, al consiglio di lunedì prossimo la vicenda della pesantissima relazione della Ragioneria dello Stato sarà tra gli ultimi punti perché chiesta dall’opposizione. Almeno – dopo lunga e penosa malattia (Attoni aveva promesso le dimissioni durante la scorsa legislatura se non fosse stato approvato, non serve dire che è ancora al suo posto…) arriverà anche il regolamento edilizio, insieme a quello sanitario.

A proposito di opposizione e appalti, resta ancora senza risposta formale la richiesta di Davide Gatti per Fratelli d’Italia sul perché nel capitolato per le mense  “sia stato omesso dal bando di gara  l’obbligo, per le ditte partecipanti (imposto dalla legge), di fornire la certificazione prevista ex Decreto Legislativo 159/2011, in materia di antimafia”

La smentita che non c’è e qualche altra certezza

Al contrario di quanto annunciato dal sindaco il quotidiano “La Repubblica”, questa mattina, non smentisce la notizia sull’indagine “Caronte” ma si limita a riportare le dichiarazioni dei presunti indagati.

Presunti, perché nessuno di loro sembra aver ricevuto formale avviso di garanzia o di conclusione delle indagini. Ciò non toglie che esista un’inchiesta della polizia giudiziaria, con tanto di “nome”, e che sia arrivata da Roma fino al litorale di casa nostra. Se formalmente sono indagati i personaggi locali non lo sappiamo, ma prendiamo per buono quello che dicono e ammettiamo di no. Così come prendiamo atto che “Repubblica” non smentisce. Vedremo, se e quando se ne saprà di più, qual è la verità. Ripetendo che anche se fossero indagati, tutti e 29, nessuno li ha ancora condannati.

Il giorno dopo, però, emerge qualche altra certezza. I consolidati rapporti di amicizia tra Placidi e Taffo che lo stesso presidente del consiglio comunale ammette intervistato da “La Repubblica”. Non è un reato, ci mancherebbe, ma conferma che un legame tra i due c’è.  Vedremo quando usciranno le carte se “attenzionato” o meno dalla Procura di Roma.

Di sicuro è stata “attenzionata” la campagna elettorale per le regionali di Luca Gramazio, sostenuto ad Anzio come a Nettuno proprio da Patrizio Placidi. Negli ambienti giudiziari si parla di cene alle quali avrebbero preso parte personaggi compromettenti, ma anche questo è tutto da verificare, oltre a dover capire se e dove si annida l’ipotesi di reato.

In tutto ciò si fatica, francamente, a capire il ruolo del sindaco Luciano Bruschini che oggi arriva a dichiarare “non vorrei che fosse uno scambio di persona”. A fare politica, ad Anzio, con lo stesso nome è l’attuale consigliere comunale e delegato al turismo. Può esserci addirittura uno scambio simile? Difficile.

La cosa migliore, a questo punto, l’ha annunciata lo stesso primo cittadino: è disposto a chiedere informazioni alla Procura di Roma. Lo faccia, chieda di essere ricevuto e faccia sapere a tutti come sta realmente la situazione. E’ la città – prima ancora di lui e degli altri personaggi coinvolti dall’articolo e che sostengono di non essere indagati – a pretendere chiarezza.

Indagati, non condannati. Le certezze sono altre

Il quotidiano “La Repubblica” dà notizia, questa mattina, di un’indagine nella quale sarebbero coinvolti anche il sindaco di Anzio, Luciano Bruschini, e l’ex assessore oggi presidente del consiglio comunale, Patrizio Placidi. Sarebbero, perché i due si sono affrettati a smentire, sostenendo di non avere ricevuto avvisi di garanzia. Ammesso siano indagati – e difficilmente un giornale come “Repubblica” azzarda una cosa del genere – non sarebbe la prima né l’ultima volta che a chiusura dell’inchiesta o con la stessa in corso un giornale abbia prima degli interessati alcuni atti. Possiamo discutere dell’opportunità di una cosa del genere, ma non è questo il punto. Concentriamoci invece su altri due aspetti. 

Il primo: se sono indagati, ricordiamoci che un avviso di garanzia è a tutela di chi lo riceve e nemmeno la migliore delle inchieste della magistratura contiene in sé una certezza di condanna che altri devono eventualmente pronunciare. In Italia, per fortuna, siamo tutti innocenti fino al prova del contrario. Lo sostengo da sempre, in ogni sede, ricordando però che se esiste un’indagine che riguarda – come sarebbe in questo caso – personaggi pubblici, allora la cosa “fa” certamente più notizia.

Il secondo aspetto, invece, è quello delle certezze rispetto all’argomento caro estinto, a cosa si “avverte” o è successo da tempo ad Anzio. I rapporti tra l’ex vice sindaco e l’azienda Taffo sono noti. Certamente leciti, nessuno ha motivo di pensare il contrario, ma esistono. E’ altrettanto noto che in tempi non sospetti – e non si sa a questo punto se la vicenda riguardasse o meno questa indagine – la Guardia di Finanza ha sequestrato montagne di carte relative al cimitero negli uffici del Comune. Così come i fatti di cronaca ci ricordano che al cancello di Patrizio Placidi, ad altezza d’uomo, qualcuno ha sparato. Vicenda finita chissà come – né forze dell’ordine né Procura sembrano essere arrivati a una conclusione – ma che alla luce di quanto emerge dalle carte citate da “Repubblica” diventa ancora più inquietante. 

Ammesso che Bruschini e Placidi non siano indagati, e fino a prova contraria la loro parola, oggi, vale quella dell’articolo, qualcosa intorno al cimitero ad Anzio è successo da tempo.