Mense e “cassetto”, qualcosa si muove ma non basta. Il 3.0 che non c’è

mensaecassetto

Nuovo cassetto tributario, vecchi problemi. Almeno con le mense. Il servizio per i bambini è partito e sembra che finora non ci siano problemi. Tutti soddisfatti, insomma, e assolutamente meglio così. Per tutti. Chiaramente andrà controllata l’azienda che fornisce i pasti e fatte – se ce ne fosse la necessità – le dovute rimostranze, con applicazione delle sanzioni previste dal capitolato. Ma torniamo per un attimo al “cassetto” che finalmente ci informa che “non ci è ancora possibile inserire i dati relativi ai pagamenti effettuati per la mensa scolastica, i pagamenti vengono tuttavia puntualmente registrati presso gli uffici preposti del Comune”. Meno male. Non arriveranno solleciti, dobbiamo ritenere, a chi ha pagato da mesi ma ancora non risulta nel “cassetto” ma temiamo a questo punto che con la terza informatizzazione in tre anni (i genitori inizialmente vedevano la loro posizione con Tecnorg, è arrivata Maggioli ed è “saltato” tutto, quindi ci si è affidati al sistema del “cassetto” e alla Mercurio service) le cose sono tutt’altro che risolte. Se uno paga al Comune di Anzio, nello stesso “cassetto”, gestito dalla medesima società, perché i tributi compaiono e le mense no? E perché, nel 2014 e nel Comune 3.0 che Bruschini declamava in campagna elettorale le registrazione dei pagamenti non è automatica? Nessuno lo dice, capiamo dalla comunicazione però che probabilmente ci sarà da pagare – immaginiamo sempre a Mercurio…. – un altro, l’ennesimo, “data entry”. Speriamo di sbagliare. Di certo oggi si recupera sul “cassetto” quello che a tante famiglie non è arrivato via posta ovvero la lettera con il conguaglio. C’è scritto che “in allegato” si trovano i bollettini di conto corrente ma non ci sono. Semplicemente perché sul “cassetto” finisce – pari pari – la copia della lettera che viene spedita anche a casa, dove però non arriva…

Una cosa facile no? Intanto per il 2014-2015 dopo l’esclusione della Serenissima che aveva fatto un prezzo più basso ma “anomalo” rispetto alla cooperativa Solidarietà e lavoro aggiudicataria il Comune pagherà 4,52 euro a pasto e ai genitori spetterà di questa cifra una quota pari a 2,54 euro. Un aumento di 50 centesimi rispetto allo scorso anno. E’ vero, con 2,54 euro ormai quasi non si fa colazione al bar figuriamoci un pasto completo, ma l’aumento era stato comunque già deciso con largo anticipo al momento delle iscrizioni.

A parte il “cassetto” delle beffe e i nuovi inserimenti dati che qualcuno dovrà fare, l’unico auspicio è che l’azienda vincitrice attui quello che le ha consentito di vincere dal punto di vista tecnico. E che ci siano controlli serrati. La Serenissima, quattro anni fa, prese 10 punti per il sistema di rilevamento delle presenze e l’informatizzazione, il massimo previsto dal bando, e vinse per quello. Il Comune, poi, decise di gestire da solo la seconda parte e la rilevazione delle presenze coi i palmari partì con ritardo. Di un “bis” non abbiamo assolutamente bisogno.

Ps Leggo su facebook che oggi, all’uscita delle scuole di via Ambrosini, un’auto è passata tra i bambini. E’ una battaglia persa, lo so, ma spero che l’incivile che si è permesso una cosa simile venga perseguito… I vigili non c’erano?

Nuovo cassetto, vecchi problemi. Altro che 3.0

sitoconforme

Chissà se lo pagheremo con la tassa sui rifiuti…. Il cassetto tributario del Comune di Anzio si rinnova, resta registrato dalla società che lo realizza, ma la grafica certamente migliore della precedente e una nuova veste non nascondono i problemi. No, quelli restano tutti.

In primo luogo l’anomalia per la quale il Comune è lo stesso, il “cassetto” pure, la società che lo ha realizzato anche, ma mentre i tributi vengono faticosamente aggiornati, delle mense non c’è traccia. Né dei pagamenti precedenti, tanto meno delle nuove emissioni di bollettini. Tanti cittadini, per esempio, non si sono visti recapitare il conguaglio dello scorso anno scolastico e non lo trovano certo nel “cassetto”, all’interno del quale risultano pure morosi del pagamento dell’anno passato. Normale? Chissà… L’ultimo avviso in tal senso – 24 giugno scorso – recita che per “motivi tecnici i pagamenti non sono ancora visualizzabili on line”. Non vorremmo che servisse qualche altro “data entry” da pagare, considerati i precedenti. Perché se si fa il “cassetto” e si spendono 70.000 euro oltre gli aggiornamenti, si dovrà pure prevedere nel Comune 3.0 che il sindaco decantava in campagna elettorale che automaticamente chi ha pagato viene registrato. O no?

E si dovrà pure prevedere, qui torniamo ai tributi, che se un cittadino è registrato accede al “cassetto” e trova già il calcolo della sua posizione rispetto alla Tasi, per esempio. Sai chi sono, dove abito, di cosa sono proprietario, la rendita catastale, automaticamente – nell’era digitale – calcoli il mio F24 che io pago anche on line… Invece no, oggi il “cassetto” serve solo a vedere quello che so già: se ho pagato un tributo oppure no, anzi per le mense nemmeno me lo registrano. Da mesi.

Rispetto alla Tasi c’è un comunicato nel quale si spiega come fare e pure i 6.000 iscritti al servizio – tanti dovevano essere i pdf della Tari spediti massivamente via mail, sempre dalla stessa società, ma mai arrivati – dovranno andare da un commercialista o armarsi di calcolatrice e fare da soli. A meno che, la prima scadenza è il 16 ottobre, non ci facciano una sorpresa. Basta che non dobbiamo pagare qualche altro aggiornamento. Perché di 3.0, in questo Comune, come già sostenuto, sembra esserci solo il moltiplicatore di programmi e servizi informatici che ogni servizio acquista per sé. Leggere le determine per credere .

ps: per la cronaca ci sono ancora siti diversi che non riescono a “dialogare” tra loro all’interno del portale del Comune, il cassetto tributario è uno di questi

Il porto, la Tasi, la chiarezza che non c’è…

marinedi

Già, il porto con la Tasi. L’allora pubblico ministero Antonio Di Pietro, poi divenuto parlamentare e ministro ma del quale non si hanno più notizie, avrebbe detto “che c’azzecca?“. Apparentemente nulla, vero, ma rappresentano il simbolo di come si fanno le cose in questo paese.

Porto: si faccia, è ora, ma qualcuno vuole chiarire una volta per tutte quali sono i rapporti tra Comune e socio privato, se abbiamo pagato o come pagheremo il prestito con la Banca popolare del Lazio, cosa vuole fare la Capo d’Anzio atteso che ha ottenuto l’inversione del cronoprogramma? Nella mancanza assoluta di notizie ufficiali dobbiamo leggere dalla pagina facebook “Marina di Capo d’Anzio” che ci sono delle novità. E’ normale? E sono in linea le lettere che la società sta spedendo in questi giorni – annunciando la realizzazione del Marina (!?!?) con gli accordi sottoscritti a suo tempo? Gli ormeggiatori – per esempio – saranno pure la peggiore categoria del porto e nei loro confronti non sono mai stato tenero. Ma avevano un’intesa sulla base del doppio bacino, del progetto che doveva rilanciare Anzio e via discorrendo. Almeno qualcuno che dica loro – ufficialmente – che le cose sono cambiate, non dovrebbe esserci? E qualcuno che dica ai cittadini, proprietari del 61% della Capo d’Anzio, qual è la situazione? No, silenzi, mezze verità, paventati soldi russi o del Kuwait. Intanto la Capo d’Anzio con questa operazione si prende i canoni di concessione, paga i debiti, fa due soldi di lavori – anche se nel bacino interno il progetto definitivo prevede ben altro – risana il bilancio, poi si vedrà. Il quadro è questo. Se è diverso chi rappresenta quel 61% – vale a dire il sindaco – ha il dovere di dirlo alla città.  Così come ha il dovere di dire che l’escavo del canale di accesso, da quando iniziano questi misteriosi lavori, è a carico della società. Ecco, avremmo bisogno di chiarezza e riproponiamo le domande di prima ma anche quelle successive, sperando che il sindaco voglia rispondere non a chi scrive – ci mancherebbe, anche se lo spazio è a disposizione – ma ai cittadini. E deve farlo lui, non il presidente della Capo d’Anzio Luigi D’Arpino né l’amministratore della società, il rappresentante dell’ingegnere Renato Marconi.

E allora, cosa c’entra la Tasi? Detta come i nostri nonni “c’entra perché ci cape“, in verità si chiede anche qui chiarezza. Va bene l’aliquota al massimo, va bene le mancate detrazioni, va bene tutto – è un eufemismo – ma per quale motivo sul “famoso” e costoso “cassetto tributario” ciascun iscritto non trova la sua posizione? A oggi non c’è nulla e l’ultima comunicazione ufficiale è dell’1 luglio. Gli errori sui pagamenti – ma delle mense, non dei tributi – persistono.

Intanto’ufficio tributi informa attraverso l’ufficio comunicazione – ridotto ormai a semplice passa carte – qual è il quadro per la Tasi, poi i cittadini facciano da soli o si rivolgano a qualche professionista.

E dire che Bruschini ci aveva promesso il Comune 3.0…  Ma forse si riferiva alla formula per moltiplicare i pacchetti informatici acquistati dagli uffici – tributi in primo luogo – e perfettamente inutili per i cittadini.

Cassetto tributario, aspettavamo i pdf (pagati) ma arriva una “pezza”

Immagine

Ha un suo fascino – mi accontento di poco, è vero – questa vicenda del cassetto tributario. Ai tempi di internet chi lo cura mostra certamente di leggere ciò che si scrive a riguardo, ma probabilmente ignora che sempre grazie alla “rete” sono tante le cose che è possibile scoprire. Così dopo che da più parti è stato segnalato che la Mercurio service – la società che gestisce il “cassetto” – doveva spedire via mail gli avvisi di pagamento, gli utenti registrati si sono visti recapitare una mail che recita: “Gentile contribuente, la presente per informarla che il Comune di Anzio ha emesso le cartelle relative all’acconto Tari 2014. Potrà scaricare la sua cartella dal sito del Cassetto Tributario del Comune di Anzio utilizzando le credenziali di accesso che ha già registrato. La presente comunicazione sostituisce l’invio cartaceo”. Bene, non quello in Pdf a ciascuno degli iscritti, come deciso dal responsabile dell’ufficio tributi nella determina che assegna alla Mercurio l’imbustamento e spedizione delle fatture. Questo invio agli utenti registrati – 6.000 tondi tondi – costerà al Comune 1.464 euro. Nulla, vero, come i 183 pagati per un progetto grafico di fatto inesistente. Peccato che nel caso dell’invio ai cittadini registrati – ah, questi rompiscatole! – dovesse arrivare una copia della bolletta: “Invio massivo in formato PDF a mezzo PEC o Email della richiesta di pagamento bollette Tari con una spesa di 0.244€ per 6.000 contatti per un totale di 1.464 € iva inclusa

Invece, di fronte alle perplessità comparse su internet, intanto è arrivato l’avviso con un invio “multiplo”: stesso testo per utenti diversi, al contrario di quanto si afferma nella determina. Basta andare nei dettagli della mail per scoprirlo….

Una pezza, insomma. Per fare l’invio multiplo, spiega chi ne capisce più di me, ci sono programmi gratis e se a pagamento il costo mensile del programma per 10.000 contatti e invii illimitati costa non più di 5 euro il primo mese e poi massimo 10 euro. Qui se ne spendono 1.464 e dei Pdf non c’è ancora traccia. Ma se qualcuno legge, in Comune, forse si fa un rush finale per mettere un’altra pezza…  

 

Comune, tributi e mense il “cassetto” delle beffe. Altro che 3.0…

Immagine

Passo indietro di un anno: “Il servizio on-line consente di verificare la posizione tributaria, di apportare eventuali modifiche se i dati riportati non corrispondono alla propria posizione e di effettuare il pagamento comodamente tramite carta di credito. Un’importante innovazione che i cittadini hanno dimostrato subito di apprezzare visto che in pochi giorni sono state registrate oltre 2.000 attivazioni e i numeri sono in continua crescita. E’ un processo innovativo che l’Amministrazione Bruschini vuole portare avanti ed estendere anche al pagamento di altre entrate, come ad esempio l’IMU. L’utilizzo di Internet consente prassi che portano benefici ai contribuenti e vantaggi anche economici all’Ente, riducendo notevolmente i costi di riscossione, gestione e di spedizione. Il Comune di Anzio si pone all’avanguardia in questo senso (…)”. Era il 27 giugno del 2013 e questo è uno stralcio del comunicato emesso dal Comune.

Passo indietro di qualche mese, novembre 2013: “(…) In particolare, già in occasione dell’acconto Tares, il Comune di Anzio – Settore Tributi ha inviato ad ogni contribuente, unitamente alla comunicazione della somma da versare, la password per accedere al “cassetto tributario” già utilizzato da molti cittadini. E’ intenzione dell’Amministrazione – dice il Vicesindaco di Anzio con delega al Bilancio, Giorgio Zucchini – avviare una campagna di sensibilizzazione che porti ad un maggiore utilizzo dello strumento da parte della collettività, in modo da assicurare tempestività nel recapito delle comunicazioni, trasparenza nei procedimenti e riduzione dei costi di spedizione. Ogni contribuente può iscriversi al cassetto tributario accedendo dal sito istituzionale www.comune.anzio.roma.it nella sezione Tributi, inserendo la propria password o registrandosi attraverso il proprio codice fiscale. Il nuovo servizio telematico – prosegue il Vicesindaco Zucchini – consente di verificare la posizione tributaria, di apportare eventuali modifiche se i dati riportati non corrispondono alla propria posizione e di effettuare il pagamento on-line”.

Situazione attuale: più che tributario il “cassetto” del Comune di Anzio è delle beffe. Il certificato è scaduto da tempo e un utente normale lascia subito il collegamento di fronte al potenziale rischio. E’ possibile verificare la propria posizione, vero, le fatture emesse e i saldi effettuati, ma on-line non si paga più da tempo. Le fatture della Tari, calcolate al 90% delle tariffe stimate, sono state “caricate” solo ieri, domenica, e il pagamento va effettuato esclusivamente con i bollettini postali. Come il saldo Tares, per il quale è stato necessario stampare l’F24 e pagarlo come meglio si credeva. Altro che 3.0, insomma… Ma il sindaco Bruschini si accorge di queste cose? E Zucchini, dopo le dichiarazioni, sui comunicati, verifica quello che succede intorno a lui?

Non solo, anziché ridurre i costi di spedizione – ma ignoriamo quelli dello scorso anno, sul sito non è reperibile l’atto… – il responsabile dell’ufficio Tributi ha affidato, alla Mercurio service che gestisce anche il “cassetto”, l’incarico di recapitare gli avvisi impegnando la somma di oltre 48.000 euro tra gestione dello stesso “cassetto”, invio per mail delle fatture a chi si è registrato, imbustamento e spedizione a casa degli altri e persino “un progetto di grafica per i servizi di stampa bollette”. La scadenza è il 30 giugno, difficile immaginare che arriveranno in tempo, ma facciamo a fidarci.

La cosa singolare è un’altra: la stessa Mercurio – ed è la terza in ordine di tempo a occuparsi della cosa – quest’anno ha lavorato al “data entry” delle mense e attraverso il cassetto tributario è possibile verificare la fattura e i pagamenti effettuati, ma non pagare on line. Intanto sarebbe interessante capire che fine ha fatto il lavoro della Tecnorg prima (i genitori si collegavano e vedevano tutto on-line, mancava solo la possibilità di pagare) e della Maggioli poi, e quante volte si devono inserire i dati. La questione è altra: sul “cassetto” i pagamenti delle mense non risultano anche se effettuati ormai a marzo-aprile. Ebbene interpellato l’ufficio tributi la risposta è disarmante: “La parte relativa alle mense non è gestita dall’Ufficio tributi. Non conosco la tempistica di aggiornamento delle informazioni. Occorre rivolgersi all’Ufficio Mense”.

Nel Comune che doveva essere 3.0 e dove la posta elettronica è “ballerina” non funzionano nemmeno i telefoni, sono andati in tilt i sistemi della ragioneria e delle paghe, la delibera sulla fibra ottica è ferma negli uffici, abbiamo una certezza: un solo cassetto tributario, la stessa società che lo ha realizzato, ma due uffici diversi che lo gestiscono. Benvenuti ad Anzio… 

Sito, il cassetto tributario e quel certificato scaduto

Immagine

Mettiamola così, un utente medio che ha poca dimestichezza con l’uso del computer e ancora meno con i pagamenti on line, vede la scritta “il certificato di sicurezza è scaduto o non ancora valido” e ci pensa due volte (se non di più) ad andare avanti. Anzi, probabilmente lascia proprio stare… 

La conferma di come siano gestiti i siti al Comune di Anzio arriva da questa pagina che compare, appunto, sul cassetto tributario. Un servizio senza dubbio utile, anche se ancora con qualche errore per chi si è iscritto, ha pagato regolarmente ma vede bollette ancora da saldare. Così come veniamo informati che la scadenza dell’Imu per la seconda casa è il 15 giugno, tassativa. Peccato sia domenica e ovunque si paga anche il 16, fra l’altro come previsto per legge quando le scadenze cadono in un giorno festivo.

Detto questo, resta il problema di sistemi che non “dialogano” tra loro, di un sito che dovrebbe “raccogliere” tutto ma non lo fa, di atti non ancora pubblicati integralmente come vogliono le norme sulla trasparenza e per i quali è ora che sia rispettata la legge.