Il porto, l’illuminazione, il rischio Depfa bank…

E’ di qualche giorno fa la notizia che il Tribunale ha dato ragione al Comune di Anzio sulle quote della società che doveva realizzare e gestire il porto, sostenendo che quanto previsto dai patti parasociali andava rispettato. A un anno dalla concessione – quindi settembre 2012 – dovevano esserci i soldi che il socio minoritario si era impegnato a mettere. Non sono mai arrivati, addio.

Le quote che erano di “Italia navigando” e che il suo “inventore” Renato Marconi si era preso, insieme a quelle di altri nove porti (di fatto senza tirar fuori un soldo ma “monetizzando” un contenzioso milionario) tornano al Comune. Per la prima volta l’ingegnere vede svanire una partecipazione ottenuta in un modo che a parere di chi scrive era e resta singolare.

E’ una buona notizia quella della restituzione delle quote che erano nate originariamente per essere dei cittadini di Anzio, ma intorno alle quali si sono giocate, evidentemente, ben altre partite.

La domanda, adesso, è che fine fa la “Capo d’Anzio” che agonizzante era e agonizzante resta. C’è un bando pubblicato per la realizzazione del porto e in una intervista il sindaco (che da senatore chiese invano “lumi” sull’operazione Italia Navigando/Marconi, sentendosi rispondere che era tutto a posto) ha parlato di un prestito di Marinedi. Cioè dello stesso Marconi. Non c’era ancora stata la sentenza, arrivata dopo solleciti a non finire all’ex sindaco Bruschini, un mandato pieno del Consiglio comunale su proposta dell’allora consigliere Pd De Micheli (il resto non entrava in aula, consentendo a un Bruschini in difficoltà di governare comunque il consiglio comunale….) e dopo che la caparbietà di Marco Maranesi consentì di avere il parere dell’avvocato Cancrini, coperto persino da “segreto di Stato”. Ebbene il bando è pubblicato, non crediamo che Marinedi dia ancora quei 7 milioni dopo la sentenza, anzi aspettiamoci un ulteriore contenzioso. Ma se volesse darli, sarebbe il caso di dire: no, grazie…. Si è sostenuto in questo umile spazio che dovrebbe essere Marconi a pagarci per andare via, siamo certi che il sindaco non vorrà cedere a proposte diverse.

Perché un eventuale finanziamento, attraverso un fondo che poco piace, ricorda l’operazione che Acqualatina fece con Depfa Bank. La società che gestisce il servizio idrico integrato ha rischiato di finire in mano alla banca irlandese, qui andremo verso un gruppo maltese sconosciuto o quasi. Anche no, grazie….

Resta la necessità intanto di manutenere il porto, a cominciare dal canale di accesso. La Capo d’Anzio non ha mai ottemperato alla concessione, ora la Regione Lazio è pronta a intervenire “in danno” e potrebbe essere il primo passo per rimettere sul tavolo l’intera vicenda porto. Certo, Zingaretti ha altro a cui pensare adesso, ma può dimostrare una volta ancora che la Regione ha chiuso il periodo buio del “porto ad Anzio non si fa” e dire che la Regione stessa diventa parte attiva nel suo rilancio: porto pubblico, a partire dal bacino interno sistemato.

Non è facile dal punto di vista burocratico/amministrativo, ma sarebbe un’azione qualificante e quando vuole la Politica (la maiuscola è voluta) le soluzioni sa trovarle.

Sembra l’uovo di Colombo, cambiando radicalmente argomento, quello dell’illuminazione pubblica. In un apprezzabile slancio comunicativo, avremo anche una conferenza nella quale la società aggiudicataria spiegherà i benefici per la cittadinanza dell’adesione alla convenzione Consip. Ricordiamo il sindaco che all’epoca del primo mandato ci evitò provvidenzialmente una “Anzio servizi”, mentre Nettuno, Aprilia, Pomezia e mezza Italia si infilavano in un vortice del quale ancora si pagano le conseguenze. Qui, speriamo di sbagliare, si parte da una base (gli atti li conosce solo la giunta che li approvati, all’albo pretorio non ci sono) ma non sappiamo cosa succede se chi interviene sul territorio scopre che – banalizziamo – i pali non a norma sono di più, come le luci da cambiare e via discorrendo. Anche in questo caso, torna utile l’esempio Depfa Bank. L’istituto mise nero su bianco: voi fate, se non riuscite ci prendiamo tutto noi. E’ stato evitato, per fortuna, anche se in extremis.

Dire “voi fate” alla società che rifarà l’illuminazione necessita di un controllo capillare, perché a passare da circa 10 milioni a molto di più ci vuole poco e avere evitato la “Anzio servizi” per infilarsi in un vortice con l’illuminazione, sarebbe poco onorevole.

Annunci

L’illuminazione in tutta fretta, le regole, gli atti che vanno pubblicati

giuntaconsip.jpg

Volevano ripartire dalle regole. Così dicevano. Continuano a calpestarle. Su questa frettolosa vicenda dell’illuminazione pubblica – a memoria non ricordo una determina lo stesso giorno della delibera, tra l’altro delibera votata il giorno dopo una commissione nella quale non c’erano documenti disponibili – l’atto è all’albo pretorio.

Ebbene in quel documento  si fa riferimento a cose che la giunta evidentemente conosce, ma i cittadini no. E siccome la trasparenza deve essere totale – è la legge che lo dice, ad Anzio dovrebbe vigere come altrove – ho formalmente presentato istanza di accesso civico affinché si provveda a far sapere a tutti (quindi con la pubblicazione on line) cosa contiene la seguente documentazione, indicata in quella delibera, ripresa dalla determina a tempo di record: 01 – Piano Dettagliato Interventi 02 – Allegato A – Interventi e preventivo di spesa per contratto standard 03 – Allegato B – Interventi e preventivo di spesa per contratto esteso 04 – Allegato C – Verbali di sopralluogo 05 – Allegato D – Computi metrici tipologici e “Relazione di fattibilità tecnico-finanziaria ad oggetto “Servizio di pubblica illuminazione nel territorio comunale – Adesione Convenzione Consip “Servizio Luce 3 – Lotto 5” del responsabile del Servizio Pubblica Illuminazione”.

Ci dicono che è tutto a posto e che risparmieremo, va bene, intanto ignoriamo ancora chi ha deciso di incaricare una ditta neonata e per quale motivo sono stati dati 31.5000 euro in sei mesi a quell’azienda che ha svolto il lavoro preparatorio del quale beneficerà ora l’azienda che ha il lotto Consip, di fatto. Senza contare che intorno agli affidamenti pubblici come questo le ditte coinvolte ruotano o hanno ruotato intorno alla “galassia” di Verdini e soci.  Tutti innocenti, sempre, fino a prova del contrario.  Nel frattempo, però, almeno gli atti dovuti, è bene renderli noti.

Ah, sento dire che sono “pesanti”, ma chi prende il posto dell’amministrazione 3.0 avendone condiviso buona parte del percorso avrà nel frattempo trovato un modo di condividere attraverso un “link” file del genere. Suvvia…  

Illuminazione, il doppio incarico in 6 mesi a una società neonata…

Empty highway

Alla fine, così dicono, risparmieremo sulla bolletta energetica del Comune. Lo stanno facendo anche altre città, esiste una convenzione Consip vantaggiosa e ad Anzio la morosità dell’ente per l’energia è molto elevata. Detto questo, la vicenda come sempre accade assume contorni singolari. Non saremmo , del resto, nell’ultradecennale impero del centro-destra di casa nostra. Proviamo ad andare con ordine, iniziando dalla delibera con la quale il giorno dopo la commissione lavori pubblici, la giunta ha deciso la “Adesione alla convenzione Consip- luce 3 lotto5” . Siamo al 4 gennaio 2019, delibera fatta in fretta e furia, sembra per evitare che si “esaurisse” il plafond a disposizione di Consip, un carrozzone all’italiana che a volte costringe a spendere più del dovuto ma in questo caso sembra vantaggioso.

Un impegno di oltre 9 milioni di euro per 9 anni, grazie al quale – stando alla delibera – ci sono una serie di vantaggi per il Comune “non solo sotto il profilo squisitamente economico ma anche sotto quello funzionale, in considerazione della connessa possibilità di mettere a norma gli impianti esistenti, contestualmente assicurandone la gestione da parte di soggetto specializzato, già a decorrere dalla data di attivazione della fornitura” Siamo d’accordo, però qualcosa non torna.

E restiamo alla delibera. Si afferma che la vicenda va avanti “dal 2016” e che esiste un “Piano Dettagliato degli Interventi (PDI) aggiornato a seguito dell’apposita richiesta comunale dalla Conversion & Lighting s.p.a. e acquisito in atti con prot. n.63727 del 27/11/2018 costituito dai seguenti elaborati: 01 – Piano Dettagliato Interventi 02 – Allegato A – Interventi e preventivo di spesa per contratto standard 03 – Allegato B – Interventi e preventivo di spesa per contratto esteso 04 – Allegato C – Verbali di sopralluogo 05 – Allegato D – Computi metrici tipologici”. Documenti che non sono allegati alla delibera, anche se forse sarebbe il caso di renderli noti. Delibera nella quale non si fa cenno, fra l’altro, al piano triennale delle opere pubbliche che di norma è un libro dei sogni, ma appena una settimana prima indicava per “potenziamento e adeguamento impianti di illuminazione” 125.000 euro. Risolveranno in qualche modo, non c’è dubbio. Proprio nei giorni successivi a  quel 27 novembre c’è stata baruffa in Comune, con la giunta che non ha votato e l’assessore ai lavori pubblici (questo raccontano le cronache) su tutte le furie, in particolare con gli esponenti della Lega. Ma questo riguarda i rapporti di maggioranza, così come l’attenzione che a questa vicenda avrebbe un noto esponente dell’Udc di Roma, un passato in Forza Italia. “Ma quale Udc – è la telefonata del presidente locale del partito, Piero Marigliani, avvenuta oggi 7 gennaio – se parliamo di Verzaschi, tanto lo sa tutta Anzio, non è mai stato dell’Udc“.

Restiamo ai documenti, allora. E torniamo al 3 gennaio, alla commissione. Ai presenti viene fornita, su richiesta, la documentazione relativa alla vicenda ed escono fuori tre studi predisposti da una società denominata Esco Tecnhology: consumi del Comune, fatturato e report finale a settembre 2018. Un lavoro dettagliato, non c’è dubbio, dal quale si evince anche la morosità della quale si diceva all’inizio.

Chi ha chiesto alla Esco di farlo? Nessuno: la società si è proposta da sola l’8 marzo 2017. Costituita appena sei mesi prima, con un capitale sociale di 10.000 euro, amministrata da una cittadina ucraina, la Esco technology si iscrive alla stazione unica appaltante Ardea-Anzio e si presenta. La richiesta per il lavoro è di 12.000 euro più iva, resta lì fino al 28 luglio, quando il responsabile dell’ufficio tecnico chiede al dirigente dell’area finanziaria di procedere. Detto e fatto, l’1 agosto arriva la determina. Chi oggi guida la città era in consiglio comunale, ma come è successo per molte cose la vicenda deve essere sfuggita alla loro attenzione. Eppure si dicevano all’opposizione, l’attuale sindaco e il suo assessore ai lavori pubblici.

Arriviamo al 18 maggio di quest’anno, in piena campagna elettorale, il dirigente – ad Anzio sempre con un titolo per un altro, ricordiamolo – scrive una nuova determina per la Esco, con il medesimo oggetto di agosto 2017: “Affidamento per l’esecuzione dell’attività di supporto alla diagnosi energetica ed anali dei consumi sostenuti dall’ente per edifici comunali”. La cifra? 19.500 euro più iva. Il 9 maggio l’ufficio tecnico aveva chiesto un preventivo, il 14 era arrivato, a tempo di record ecco la determina. Nella quale si afferma che c’era stato un precedente lavoro e “gli esiti di tale analisi sono stati trasmessi, con nota prot. 62116 del 12/12/2017, all’Ufficio Tecnico per le valutazioni ed iniziative di ordine tecnico-operativo”. Cosa dicevano? Chissà… Trasmessi ed evidentemente lì rimasti, se neanche sei mesi dopo si dà un altro incarico aumentando di oltre un terzo la spesa di quello precedente. In questo caso chi oggi guida la città era già parte integrante della maggioranza di allora, nella quale (solo per la cronaca) era l’assessore ai lavori pubblici chi oggi è ai servizi sociali.

Ora è evidente che il Comune ha speso  in due tranche 31.500 euro più iva per uno studio propedeutico all’adesione alla convenzione Consip, ma nella delibera non viene fatto cenno di questo, bensì di un lavoro (che in commissione non è stato fornito e alla delibera non è allegato) svolto dalla Conversion e lighting che si è aggiudicata il lotto Consip. Va bene tutto, per carità, ma forse andrebbe capito se pagheremo due volte lo stesso lavoro, se la Conversion ha fatto suoi i dati prodotti dalla Esco e pagati dal Comune o se i due incarichi alla società costituita nel 2016 sono stati una “esigenza” di qualche politico di casa nostra. Si sa, andava e va così…

Mafia capitale, il Consorzio che opera anche ad Anzio

Salvatore Buzzi intercettato dai carabinieri del Ros

Salvatore Buzzi intercettato dai carabinieri del Ros

La determina è criptica, come lo sono spesso gli atti di un Comune – quello di Anzio – che continua a essere poco trasparente. Il titolo, però, per chi vuole approfondire qualcosa dice: “Impegno somme a Cns convenzione Consip pulizia immobili comunali“.

Sì, Cns… Sarà il Consorzio nazionale servizi finito – sia pure indirettamente – nelle vicende di Mafia Capitale? Il Consorzio al quale, di recente, l’autorità anti corruzione guidata da Raffaele Cantone ha commissariato due appalti a Roma?

Dalla determina non si evince, quello che apprendiamo è che “all’Ufficio Patrimonio, cui compete la gestione del Patrimonio Comunale, afferiscono le competenze relative alla pulizia degli immobili” e che “le somme a disposizione non sono sufficienti a coprire il budget, pertanto si è provveduto ad allocare la ulteriore somma di € 4.500“. Siamo al 30 dicembre, la pubblicazione è del giorno successivo, nessuno deve essersi preoccupato di capire se Cns fosse la stessa finita su tutti i mezzi di comunicazione nel mese e mezzo precedente e tanto meno del commissariamento di qualche giorno prima.

Ulteriori verifiche fatte da chi scrive, invece, hanno consentito di avere la certezza che Cns è proprio quello. Dell’affidamento dell’appalto per la pulizia – andando a scavare sempre sul sito – non si trova traccia. Dal titolo della determina dobbiamo dedurre che si tratti di un affidamento attraverso Consip la “centrale di committenza nazionale” che “realizza il programma di razionalizzazione degli acquisti” attraverso specifiche convenzioni. Insomma, se Cns (che nei settori dei quali si occupa è un colosso) è accreditato con la Consip ad Anzio sono andati – al momento dell’affidamento – sul velluto. A scavare ancora sul sito, per quel poco che si trova, si scopre pure che c’è il 18 aprile un “Affidamento  Cns-Atto aggiuntivo 2 convenzione Consip pulizia stazioni” e quindi si deduce che il consorzio nel quale Salvatore Buzzi – uno dei leader di Mafia Capitale – aveva mano libera, si occupa anche di quello.

Tutto assolutamente regolare, sia chiaro, e in Comune hanno seguito per affidare quei servizi le procedure previste. Il problema che si pone è un altro: qualcuno, alla luce di quanto emerge adesso, vuole chiedere “lumi” a  Cantone sul da farsi?