Porto, il sindaco non risponde. Ma forse c’è… Guglielmo Marconi

porto_anzio

Una premessa a ciò che leggerete. Faccio riferimento alla “cancellazione” di un mio precedente pensiero dalla pagina facebook del sindaco. Mi è stato garantito che nessuno lo ha fatto, ma io fatico a trovare quel “post” che comunque ho riproposto, come mi è stato suggerito. Restano tutte le domande, di prima e di adesso.
***
Forse abbiamo come socio un redivivo Guglielmo Marconi e non lo sappiamo. Renato, quello di Marinedi, colui che ormai sembra avere carta bianca nella Capo d’Anzio al punto da registrare un sito a suo nome rispetto al nuovo porto, deve essere solo un lontano parente. Eh sì, a leggere quello che afferma il sindaco (http://portale.comune.anzio.roma.it/archivio10_notizie-e-comunicati_0_538_0_3.html ) “Quanto prima daremo il via alla realizzazione del nuovo Porto di Anzio e quindi della più importante opera pubblica mai realizzata in oltre 2.500 anni di storia cittadina”. Ecco, forse abbiamo davvero Guglielmo Marconi…: un grande scienziato italiano, non l’ingegnere Renato specializzato – finora – in un’operazione finanziaria che gli ha consegnato diversi porti grazie a un contenzioso con Italia Navigando. Scherzi a parte. Lo diciamo perché magari, di opere importanti, i questi 2.500 anni, Anzio ne ha avute eccome. A voler essere precisi il primo impianto della Villa Imperiale risale al II secolo avanti Cristo e Nerone, successivamente, ha realizzato lì sotto il suo porto, nel I secolo dopo Cristo.

Ecco, prima di parlare di storia, sarebbe il caso almeno di ripassare qualche data… Poi il primo cittadino va oltre: “Abbiamo definito tutte le procedure e siamo pronti ad avviare un periodo di crescita economica ed occupazionale, per il nostro territorio, che vedrà protagonista il Comune di Anzio proprietario del 61% delle azioni della società Capo d’Anzio”.

Bene, ripetiamo che forse era veramente ora dopo anni di promesse, ma le domande sul progetto e sulla società restano tutte. Peccato che chi gestisce la pagina facebook del primo cittadino 3.0 abbia eliminato quelle fatte in questo spazio e “postate” sotto il comunicato. Domande che restano tutte (https://giovannidelgiaccio.wordpress.com/2014/08/04/il-sindaco-riannuncia-il-porto-qualche-domanda/) e alle quali – se vuole – il sindaco può replicare avendo a disposizione questo spazio. Qui non si “banna” nessuno.

Il comunicato, però, e quanto si sente dire negli ambienti, suggeriscono qualche altro quesito:

  1. quando si parla di procedure definite, si può sapere a cosa ci si riferisce?

  2. è vero che il porto sarà realizzato con dei pontili mobili? Per quanti posti barca e con quale investimento?

  3. l’atto d’obbligo tra Capo d’Anzio e Comune viene modificato o non?

  4. quante volte si è riunito e cosa ha deciso il comitato che doveva vigilare sull’attuazione dell’accordo di programma tra Comune e Regione Lazio?

Ripeto, lo spazio è a disposizione. Ma Bruschini non deve rispondere a un giornalista che prova a far notare – atti alla mano – delle incongruenze. E’ – lo ricorda lui stesso – il rappresentante del 61% delle quote e quelle sono dei cittadini e di nessun altro.

Il porto non era, non è e non potrà essere un affare per pochi.

Annunci

6 pensieri su “Porto, il sindaco non risponde. Ma forse c’è… Guglielmo Marconi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...