Manifesti elettorali abusivi, gli “zozzoni” di sempre e la nuova trasparenza

Una battaglia persa, purtroppo. I candidati alle elezioni europee di schieramenti trasversali, quelli che più possono investire in manifesti elettorali e non solo, tornano a imbrattare le nostre città. Non tutti, per fortuna, né tra i partiti tradizionali e né in un movimento come quello di Beppe Grillo che di soldi per le campagne elettorali non ne vuole spendere proprio.

I “big” passati per Regione, Camera o Senato, Comune di Roma come “buen retiro”, perché no la defunta Provincia, non ci risparmiano i loro faccioni sotto simboli di ogni genere. Dal Pd all’Ncd, dalla rediviva Forza Italia alla “bentornata Alleanza” di Fratelli d’Italia. In queste ore grazie ai social network si susseguono le segnalazioni di cittadini indignati.

Purtroppo serve a poco. Gli “zozzoni” sono sostanzialmente quelli di sempre e continuano a imbrattare o a far stazionare costose “vele” pubblicitarie che invece dovrebbero circolare, perché in passato non hanno mai pagato. Sì, saranno anche stati multati, ma poi si sono votati delle “sanatorie” che hanno trasformato l’affissione abusiva in campagna elettorale in costi irrisori. Ecco che tornano, allora, incuranti del rispetto delle norme, del decoro urbano, offendendo l’intelligenza di chi dovrebbe votarli. Anche di chi è convintamente di un partito e già sa che sceglierà quel candidato.

Ecco, allora, la necessità di una nuova trasparenza. Sei candidato al Parlamento Europeo? Sei un personaggio pubblico? Bene, se vieni multato pubblico sul sito del mio Comune il verbale dei vigili. Una specie di tabella, candidato X, partito Y, manifesti abusivi N, multa di euro NN. A fine campagna elettorale, poi, il rendiconto di chi ha pagato e chi non…

 Ad Anzio sarebbe dura, non si trovano gli atti ufficiali, figuriamoci una cosa del genere. Ma da qualche parte si dovrà pur cominciare. Sarebbe meglio se si partisse dal rispetto delle norme da parte dei candidati, sappiamo però che la battaglia è persa in partenza… 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...