Acqualatina, il segnale che Bruschini non ha dato

acqualatina

Lo aveva spiegato un mese e mezzo  fa Luciano Bruschini, sindaco di Anzio, che lui non poteva votare contro i vertici di Acqualatina perché aveva contribuito a sceglierli. Così come non ha potuto votare contro il bilancio, anzi ha aiutato il privato (Idrolatina, leggi Veolia water) a far sì che ci fosse la maggioranza per farlo passare e tenere al loro posto presidente e consiglio d’amministrazione. Vale a dire coloro che stanno per cedere il pacchetto privato.

E questo nonostante gli sforzi dei sindaci – tutti, meno quelli di Forza Italia allineati e coperti al senatore di Fondi  Claudio Fazzone – per prendersi il 49% e rendere totalmente pubblica la società. Il che non è necessariamente sinonimo di efficienza assoluta, così come sarebbe corretto dire che la battaglia non è per l’acqua pubblica – che tale è secondo la cosiddetta legge Galli – ma per una gestione diversa dopo quella fallimentare di oggi, benché il bilancio sia in attivo di 10 milioni.

Sono trascorsi 15 anni e nonostante gli sforzi del gestore di farci sapere cosa ha fatto e di convincerci che il mutuo Depfa non c’entra, si continuano a perdere migliaia di litri d’acqua al secondo (ogni 1000 non si sa che fine fanno 600), si ignora in molti casi dove passa  la rete, siamo stati costretti a vivere la peggiore estate da quando c’è questo gestore tra interruzioni, carenze e via discorrendo. Rimpiangiamo i vecchi Consorzi-carrozzoni? Certo che no, ma la scusa che Acqualatina ha ereditato impianti colabrodo, ha investito sui depuratori,  ha dovuto mettere sempre “pezze“, dopo 15 anni non regge più.

Esiste un’emergenza seria: la carenza idrica, le fonti che vanno prosciugandosi soprattutto nel sud pontino, ma nessuno ci dice cosa è stato fatto per affrontarla. Il problema, purtroppo, era e resta il controllo “politico“. Forza Italia nella provincia pontina (e non solo) è minimi termini, su Acqualatina ha madato a casa due sindaci (Latina e Terracina) e si ritrova con il capoluogo in mano a liste civiche e la seconda città in mano al sindaco defenestrato. Allora si mantiene il “fortino“, se serve anche con Bruschini che non si tira indietro. Lui è uno che la disciplina di partito, evidentemente, la conosce e la pratica. I guasti? “Succede“. La Depfa bank? “Nzo gnende” (in realtà e per fortuna non concesse il pegno, almeno, evitando che la banca si sostituisse al Comune in caso di “evento rilevante“) I lavoratori spostati e quindi la perdita di “know how” come direbbero i manager? “Pazienza“.

Ecco, gli altri sindaci (Pd, il civico di Latina, il 5stelle di Nettuno, quelli di Fratelli d’Italia)  hanno dato almeno un segnale, provato a scuotere questo pachiderma che avrà pure un piano di investimenti da seguire e tutto quello che ci racconta, ma offre un servizio che non è all’altezza e ne abbiamo conferma quotidianamente con i disagi. Bruschini ha preferito di no.

Attenzione, però, riprendersi le quote (e servono soldi dai disastrati bilanci dei Comuni) equivale a riprendere totalmente un servizio, accollarsi personale e tutto il resto. Ai cittadini va detto. Acqualatina ha sostanzialmente fallito, ma se qualcuno ha idea che basti dire che è tutto pubblico e che magicamente funziona da solo, ha sbagliato strada.

Se mai i Comuni potranno esercitare il diritto di prelazione sulle quote e riusciranno a trovare i soldi per evitare l’avvento di un altro privato (Acea), si studi un metodo che tenga lontani dai consigli d’amministrazione politici trombati, amici di amici, si scelgano manager competenti e si intervenga subito sulla rete. Nessuno può permettersi oltre di immettere 27 milioni di metri cubi d’acqua e fatturarne appena 5.

Però una cosa è certa: questo management ha fatto il suo tempo e dovrebbe rendersene conto da solo. Ma finché ci sono Fazzone e i “suoi” sindaci, Bruschini compreso, dorme sonni tranquilli.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...