Delle Chiaie, Balzerani, i criteri che non ci sono

carpineto4-zoom-paesaggio

Ormai è passato quasi nel dimenticatoio. L’aula consiliare a chi inneggiava chiaramente al fascismo e portava a parlare Stefano Delle Chiaie. Il quale, è bene ribadirlo, ha tutto il diritto di esporre le proprie idee e presentare i suoi libri. Lì si provava a far notare che forse era il caso di non concedere l’aula consiliare. Una polemica nata e finita nel segno – così disse il sindaco di Anzio – di dare spazio a tutti, a maggior ragione se non condannati. A Carpineto Romano la pensano diversamente e l’incontro con Barbara Balzerani, ex brigatista, alla fine salta.

A differenza di Delle Chiaie, è vero, è stata condannata. E forse non avrebbe parlato nemmeno ad Anzio. Se ci fosse un criterio, ovvio. Perché una cosa è apparsa chiara con “Libro e moschetto” come con altre manifestazioni, comprese quelle estive: lo spazio lo ottiene solo qualche “amico di”, senza alcuna programmazione a monte.

E non c’è discorso di principio – come quello che si è provato a fare con Delle Chiaie – che tenga.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...