Rifiuti e interdittiva antimafia, le azioni necessarie

C’è una misura di prevenzione che mette in allerta i Comuni sui rapporti tra società che hanno appalti pubblici e la criminalità organizzata. Si chiama interdittiva antimafia e viene decisa dai Prefetti sulla base di precise segnalazioni delle forze dell’ordine. Ad Anzio la Regione Lazio ha revocato l’appalto alla Icem che svolgeva i lavori al porto neroniano, dopo qualche mese dall’interdittiva è vero, ma l’ha revocato. Ora c’è una vicenda che riguarda Nettuno e potrebbe avere riflessi anche su Anzio. E’ l’interdittiva antimafia nei confronti della Ecocar ambiente (http://www.ilmessaggero.it/latina/latina_interdittiva_antimafia_alla_ecocar_a_gaeta_ha_vinto_l39appalto_rifiuti_e_a_minturno_lavora_in_proroga/notizie/794522.shtml ) emessa dalla Prefettura di Caserta. Il consorzio opera anche a Nettuno, lo afferma nel proprio sito, e ha al suo interno con il 30% la Ipi che ha presentato in associazione temporanea d’impresa un’offerta anche per la gara d’appalto di Anzio.
Ignoriamo – al momento – se l’interdittiva riguardi oltre alla Ecocar ambiente di conseguenza anche le società che hanno partecipazioni. Al posto del Comune di Nettuno – come suggerisce giustamente Claudio Pelagallo di Sel (http://www.latina24ore.it/lazio/94369/sel-revocare-appalti-in-odor-di-mafia) – non aspetteremo un minuto a revocare l’appalto. Al posto di quello di Anzio a chiedere alla Prefettura cosa fare in casi del genere.
Va detto che da sempre Ecocar e in generale il gruppo che fa capo alla famiglia Deodati ha respinto al mittente ogni accusa, ma in vicende del genere e di fronte a milioni di euro pubblici, i Comuni hanno il dovere di svolgere anche un ruolo di “sentinella”.
Se poi anche le opposizioni pensano di battere un colpo, tanto meglio…

Annunci

3 pensieri su “Rifiuti e interdittiva antimafia, le azioni necessarie

  1. Egregio Direttore, GRUPPOECO in merito all’articolo suindicato riguardante il problema dell’INTERDITTIVA LA NS SOCIETA si è sempre dichiarata estranea ai fatti ascritti e né abbiamo le prove, purtroppo la burocrazia nel NS paese lei mi insegna. Vorremmo sapere quanti chiederanno scusa tra tutti coloro che fino ad oggi si sono divertiti con questa situazione .Non avete mai supposto che qualche concorrente possa aver creato tale pubblicità? purtroppo in Italia FORSE funziona cosi ? E’ giusto secondo lei che dopo 6 mesi i ns ricorsi non vengano discussi dal TAR LAZIO ? E’ possibile che dopo questa incresciosa questione i danni subiti e subendi vengano risarciti dallo stato( se accadrà ) ,e non da chi direttamente ha provocato tale danno? Vorrei dire al dott…..Pelagallo; .Lei sa che nel caso i ns ricorsi risulteranno sicuramente a favore, i danni di risoluzioni contrattuali li pagherebbero i cittadini? Non andiamo oltre momentaneamente ,Dopo il ricorso ci divertiremo noi, sia tramite giornali e mezzi televisivi che nelle sedi opportune .Buon lavoro ….. distinti saluti

    ECOCAR/IPI SRL

    Mi piace

    • Grazie della segnalazione. So che vi siete sempre dichiarati estranei e l’ho scritto. Questo è uno spazio aperto e se ci saranno novità, come ospito la vostra nota sono pronto a ospitarne altre. Saluti a voi

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...