Libro e moschetto, il Comune resta solo

Immagine  Il Comune di Anzio resta solo.

Gli organizzatori di “Libro e moschetto”, la rassegna che l’1 marzo inizierà a Villa Sarsina con la presentazione di un testo di Stefano Delle Chiaie, hanno corretto il manifesto dell’iniziativa. E’ comparso su facebook quello che vede il solo simbolo del Comune di Anzio. Non ci sono più quelli di Regione e Provincia “che dopo una lunga riflessione hanno deciso di non concedere il loro patrocinio”.

Dobbiamo dedurre che Anzio l’abbia formalmente concesso. Mentre a Roma qualcuno si preoccupa di questa manifestazione e prende le distanze, qui tutto tace. Pazienza la maggioranza abituata ad alzare mani e ideologicamente schierata a destra – insomma, qualche vecchio socialista non dovrebbe avere nulla a che fare con certa gente… – comprensibile quel che resta dell’opposizione di centro-destra, l’area sempre quella è. Ma gli altri? Il Pd ha nulla da dire? E il Movimento 5 stelle?

Poi c’è chi in Consiglio non è rappresentato, ma è evidentemente preso da Tsipras e non ha tempo di sollevare almeno qualche perplessità.

Ribadisco: Delle Chiaie, Merlino & C. hanno tutto il diritto di esprimere liberamente le loro opinioni e di presentare ciò che vogliono, qui si parla dell’opportunità di concedere per un’iniziativa del genere la sala consiliare del Comune.

Quella dove ieri: In memoria di Eric Fletcher Waters, sbarcato ad Anzio e disperso nelle paludi della guerra, ritrovato nei nostri cuori e nel nostro desiderio di pace e libertà attraverso l’intensa poesia di suo figlio Roger, ambasciatore di pace, al quale la Città di Anzio con profonda gratitudine conferisce la cittadinanza onoraria”.

La sala fuori alla quale sventolavano le bandiere della pace, dove l’assessore Sebastiano Attoni – passato per ogni espressione dei partiti di destra – ha consegnato a Waters una kefiah palestinese… Solo folklore o ci si crede davvero nella pace?

Una sede istituzionale, insomma, destinata ad altro e che non c’entra con manifestazioni che inneggiano al fascismo e personaggi che lo ricordano.

Il Comune è rimasto solo, ma tanto in città non c’è tutta questa preoccupazione. O forse sì, qualcuno a Villa Sarsina sta decidendo se approntare anche per Delle Chiaie   il tappeto rosso riservato a Roger Waters. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...