Giornali, una riflessione condivisibile

giornali

Quello che il direttore Giulio Anselmi afferma sulla situazione dei giornali (e dei giornalisti) in Italia è assolutamente condivisibile.

Lo è a tal punto che l’impegno di chi fa questo straordinario lavoro – e viene giustamente criticato – deve essere sempre più quello di riscoprirne la “missione“. Basta con i copia e incolla, l’attesa spasmodica di agenzie che confermano ciò che è noto e verificato, con la corsa ad aggraziarsi i potenti di turno.

Più attenzione agli approfondimenti, ai documenti, al “data journalism” e meno al gossip, a “che succede se...” , al “meglio evitare“.   Non è semplice, per niente, ma dobbiamo tornare – sia carta o web, tv, radio o sempre più multimedia –  a essere credibili. Con i lettori, anzitutto,  e di conseguenza con gli editori. Solo così avremo ancora una speranza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...